Modello 730 (ex 101)

I modelli 730 e Unico Persone fisiche rappresentano la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche.

Salvo casi particolari, tutti i contribuenti sono tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi per le persone fisiche, ovvero al modello 730 (ex 101) in caso di pensionati o di lavoratori dipendenti, e al modello Unico PF in caso di redditi d’impresa o da lavoro autonomo.

La presentazione del modello 730 va fatta al sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), ai Caf o ai professionisti iscritti agli albi dei dottori commercialisti ed esperti contabili e dei consulenti del lavoro.

Nel caso di persone fisiche non obbligate alla presentazione del modello 730, questo diventa necessario nel caso in cui le stesse vogliano:

  • usufruire di detrazioni o agevolazioni fiscali;
  • destinare l’8 o il 5 per mille allo Stato o a enti ed Istituzioni benefiche.

Per quanto riguarda la fruizione delle detrazioni fiscali, dal 1° gennaio 2008 è possibile detrarre dalla dichiarazione dei redditi, tra le altre, le spese per i medicinali, nella misura del 19% e con una franchigia (la parte di spesa che resta a carico del contribuente, non soggetta ad agevolazioni fiscali) pari a 129,11 euro per l’anno in corso.

Come accennato sopra, il contribuente ha la possibilità di destinare una quota pari all’8 per mille dell’Irpef allo Stato o ad istituzioni religiose. La scelta va espressa sul modello 730, firmando nel riquadro corrispondente ad una soltanto delle istituzioni beneficiarie indicate.

Infine, il contribuente ha anche la possibilità di destinare una quota pari al 5 per mille dell’Irpef a sostegno di Enti di volontariato, O.n.l.u.s., associazioni di promozione sociale, associazioni e fondazioni riconosciute nei settori previsti per legge, nonché al sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza, al finanziamento della ricerca scientifica e università, al finanziamento di attività di tutela di beni paesaggistici e culturali, della ricerca sanitaria, delle attività sportive. La scelta può essere effettuata o apponendo la propria firma nel riquadro corrispondente alla finalità, o indicando direttamente il codice fiscale del soggetto cui si vuole destinare direttamente il proprio 5 per mille.

La presentazione della dichiarazione dei redditi è necessaria, oltre che ai fini della regolarizzazione della posizione fiscale del contribuente, anche nel caso di richiesta di mutuo alla banca, la quale li utilizza per valutare l’effettiva capacità di rimborso del richiedente.

Inoltre, nella dichiarazione dei redditi (sia essa effettuata tramite il Modello 730 o il Modello Unico) va considerata la possibilità di beneficiare di agevolazioni fiscali connesse agli immobili.

Di seguito sono elencate tutte le agevolazioni disponibili per l’acquisto della prima casa:

  1. IVA e/o imposta di registro pari, rispettivamente, al 4% e al 3% (anziché al 10% e al 7%);
  2. Imposta sostitutiva sull’acquisto della prima casa in caso di ricorso a finanziamenti a medio e lungo termine (in sostituzione al trattamento ordinario che prevede l’imposta di registro, l’imposta di bollo, l’imposta catastale e la tassa sulle concessioni governative) allo 0,25% sull’importo del mutuo erogato. (invece che al 2% relativo alla seconda casa);
  3. Imposte ipotecaria e catastale in misura fissa e pari a 168,00 euro ciascuna (anziché al 2% e all’1% dell’importo di acquisto);
  4. Detrazione della service tax Tasi, a discrezione dei singoli comuni;
  5. Detrazione degli interessi passivi del mutuo: l’agevolazione corrisponde al 19% del costo sostenuto a titolo di interessi passivi sul mutuo ipotecario stipulato per l’acquisto dell’abitazione principale. È possibile includere nell’agevolazione anche i costi dell’istruttoria e della perizia bancaria, le imposte pagate sul mutuo e il costo dell’atto notarile stipulato per il muto medesimo (escluso il costo dell’atto di compravendita), con soglia 4.000 euro. Il beneficiario è l’acquirente dell’immobile, e deve anche essere l’intestatario del contratto di mutuo.

Torna al glossario

POWERED BY
MutuiOnline
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile